Under 10 – Domenica 15 ottobre
18 Ott

Under 10 – Domenica 15 ottobre

u1001
u1002
u1003
u1004
u1005
u1006
u1007
u1008
u1009

Domenica 15 ottobre – Tor di Quinto

UNA GIORNATA IMPORTANTE

Domenica scorsa, 15 ottobre 2017 è stata una giornata importante: i nostri U10, ancora piccoli, ma non più cuccioli, hanno affrontato la prima trasferta dell’anno. La prima in U10 per i 2009, la prima da veterani e non più da cadetti per i 2008, la prima per i nuovi allenatori Manuel Bigi e Luca Allegrezza.

La giornata comincia presto nelle case degli atleti con la sveglia puntata su orari inconsueti per la domenica, ma i bimbi sono emozionati ed eccitati e anche i più pigri saltano giù dal letto e si infilano la divisa verde-blu.
Alle 9.15 l’appuntamento è al campo di via di Tor di Quinto 57. Tutti puntuali – o quasi- i ragazzi entrano in campo, prendono confidenza con l’ambiente e vengono divisi in due squadre:
Appia Verde, guidata da Manuel, con Gioele, Gabriele Carando, Jacopo P, Jacopo B., Federico C., Enrico, Riccardo Parasmo, Cristian, Leonardo, Davide N., Edoardo e Dario.
Appia Blu, guidata da Luca, con Valerio, Enzo, Flavio C., Flavio O., Massimo, Giacomo, Federico P., Riccardo Properzi, David, Davide A., Francesco, e Lorenzo.
L’Appia blu parte alla grande con una vittoria sui Molossi per 5 a 2, ma purtroppo perde entusiasmo nella seconda partita, in cui incontra i fortissimi padroni di casa della Primavera 1. La sconfitta è bruciante, ma l’allenatore come sempre li incoraggia e li sprona, così nelle successive due partite del girone, in cui incontrano Lazio e Urc 1, le prestazioni migliorano. Gli avversari sono forti e non riusciamo a portare a casa vittorie, ma intanto i ragazzi ci provano con grinta ed entusiasmo.
Sull’altro campo l’Appia verde esce vincitrice dagli scontri con la Lazio, con il Tor Tre Teste e la Capitolina, mentre viene sconfitta dagli squadroni della Primavera e Urc 3. I ragazzi ce la mettono tutta e giocano con le gambe e col cuore, consapevoli che gli avversari sono forti, ma che il primo avversario da battere è la paura del confronto.
Nella finalina Appia Verde incontra la Lazio e perde di misura, mentre Appia blu, nell’incontro per il 7° e 8° posto, incontra il Tor tre Teste e riesce finalmente a portare a casa una vittoria.

Tutto questo sotto un sole cocente che, più che ottobre, ricorda una domenica di fine giugno, quasi luglio. Le partite terminano intorno alle 14, i ragazzi sono fisicamente provati, ma lo sguardo è quello giusto, è quello di chi ce l’ha messa tutta e si è speso fino in fondo.

Finalmente arriva il momento di festa atteso da tutti, il terzo tempo! Tutti in fila – come mai li avevamo visti prima – attendono composti il loro meritatissimo piatto di pasta in compagnia dei vocianti fratellini. Il tutto si svolge un po’ velocemente perché l’organizzazione cerca di accelerare i tempi, così la pasta sparisce dai piatti in un minuto e il dolcetto la segue a ruota. Poi tutti sotto la doccia e alla fine gli ultimi saluti agli amici e tutti a casa.

Ora è il momento del riposo. Ci sarà tempo per il bilancio della giornata, per capire cosa è andato bene e va rafforzato e su cosa invece bisogna aggiustare il tiro. Ma per questo possiamo contare sui nostri fantastici allenatori Manuel, Luca e Raffaele che, oltre all’aspetto tecnico curano anche e soprattutto il benessere e la crescita di questi bimbi, non più cuccioli, non ancora ragazzi. Noi genitori, come Manuel ci ricorda sempre, dobbiamo essere fieri di loro, felici con loro e per loro.
E alla fine la cosa più importante: ringraziare chi ha reso possibile tutto questo. Gli allenatori prima di tutto, ma un grazie grande e speciale va ai nostri dirigenti Amanda e Marco che, per amore dei bimbi e del rugby si prendono l’onere e la responsabilità di curare l’aspetto burocratico e di seguire tutte le fasi in campo, aiutando gli allenatori e sostenendo gli atleti in erba, rialzando quelli che cadono, curando le piccole ferite del corpo e dell’orgoglio. Un ringraziamento speciale va anche alla mamma Patrizia che ha messo a disposizione la sua professionalità e ci ha fornito foto degne di un reportage giornalistico vero!

Leave a Reply