Under 12 – Domenica 17 febbraio 2019
21 Feb

Under 12 – Domenica 17 febbraio 2019

u1202
u1203
u1207
u12017
u12020
u12021

Domenica 17 febbraio 2019 – Torneo Rex

Grande festa al Tommaso Fattori dell’Aquila per 250 giovani rugbisti che disputano con impegno la prima edizione del Torneo Rex, una competizione ben organizzata dalla Rugby Experience School dedicata al rugby giovanile a dieci anni dal sisma che ha colpito la città. Una città che, con la determinazione di un rugbista cade, si rialza e si ricostruisce.

Gli atleti coinvolti provengono da Abruzzo, Lazio, Umbria per giocare nell’arco della mattinata una serie di incontri di livello.

I nostri ragazzi si incontrano prima delle sette per viaggiare insieme con il solito entusiasmo che il pullman infonde loro. Lungo il tragitto indicano con sorpresa le montagne innevate, si aspettano un gran freddo e invece giocheranno sotto un insperato e caldo sole quasi primaverile. Buono il livello espresso in campo dagli appini che già nel riscaldamento incentrato sui placcaggi mostrano una buona dose di grinta che dà i suoi frutti nel primo incontro con i ragazzi del Sambuceto vinto per 3 mete a 0 (diciamo che avrebbero potuto fare di più esprimendo maggiore precisione e ponendo più attenzione alla tecnica…).

Le pause tra gli incontri oggi sono brevi e poco dopo sono di nuovo in campo per il derby con i giallo-verdi degli Arnold. Altro successo, stavolta assistiamo ad una meritata vittoria per 2 mete a 0 con un rugby di livello decisamente più soddisfacente a livello tecnico. Aprono il gioco, placcano, giocano palloni intelligenti, non mollano un secondo, non cedono di un passo. Questa è una vittoria come si deve. Soddisfatti escono dal campo non senza prima inneggiare al rugby nel corridoio con i ragazzi degli Arnold.

E poi eccoli di nuovo pronti a giocare, stavolta con i padroni di casa, i bianco-rossi dell’Aquila Experience, uno di quegli incontri in cui ti viene da dire: “fate il possibile, mettetecela tutta e… imparate qualcosa”. Perché qui il livello sale parecchio, qui entrano in campo dodici ragazzini che pare mangino pane e rugby (e arrosticini). I nostri comunque se la giocano e alla fine il risultato non è poi così male prendendo solo 4 mete e riuscendo a segnarne 1. Alcuni placcaggi davvero belli ci hanno fatto onore, ma soprattutto siamo stati fieri del loro non arrendersi, provare a fermare le corse a meta di ragazzi davvero bravi. Un applauso meritato per tutti al termine della partita.

L’incontro successivo è con gli ostici avversari della Nea Ostia, quella squadra che prima-o-poi-ce-la-facciamo-ma-non-oggi e infatti perdiamo. Stavolta, forse stanchi dalla prova precedente, non giocano come sanno, troppi gli errori, pochi i placcatori e loro sono grossi, pur non aprendo il gioco spingono tanto e queste sono partite in un paio di placcatori non bastano.

Dopo una pausa stavolta più lunga, di quelle che permetto di rifocillarsi per bene, rientriamo in campo per l’ultimo incontro e affrontiamo i ragazzi dell’Aquila Rugby. Qui i nostri dominano il terreno di gioco per tutti i dieci minuti della partita imponendosi senza difficoltà.

Vittoriosi escono dal campo e siedono con Giuseppe per fare il punto sulla mattinata trascorsa: gli errori, le belle azioni, il coraggio di qualcuno, la prima esperienza per altri, la determinazione ma anche i tanti palloni persi e poi… la gioia di giocare che come sempre ha la meglio su tutto.

Arriva il momento delle premiazioni, ci portiamo a casa un settimo posto (e un ottimo prosciutto vinto grazie ad una nostra piccola sorella tifosa) non male per torneo di livello come questo. Salgono sul podio per il primo meritatissimo posto i giovani aquilani della Rugby Experience School e gli atleti della Primavera rugby per il secondo posto, premiati da Giorgio Morelli, presidente del Comitato Regionale Abruzzese Fir. Riconoscimento speciale al Rugby Perugia, squadra premiata con il “premio L’Aquila”, il trofeo dedicato a chi ha saputo interpretare al meglio lo spirito della città, mostrando più tenacia e determinazione, senza mai arrendersi, come questa città che si sta ricostruendo guardando avanti.

E in settimana, oltre a lavorare per correggere i piccoli “errori” fatti in partita… si festeggia il rugby affettando il prosciutto!!!

Forza ragazzi!

Leave a Reply