Under 12 – Domenica 27 maggio 2018 – Torneo “Lupo di Gubbio”
30 Mag

Under 12 – Domenica 27 maggio 2018 – Torneo “Lupo di Gubbio”

u1201
u1204
u1206
u1213
u1209
u1212

Domenica 27 maggio 2018 – 3° Torneo “Lupo di Gubbio”

Si parte sabato mattina alle 8.00 insieme ai ragazzi dell’under 14, il pullman dei grandi, vecchi e futuri compagni di squadra, un’unica compagine che affronta il torneo di Gubbio scambiando i ruoli, ora tifosi ora atleti. Si arriva in albergo dopo un viaggio come sempre divertente, si posano i borsoni, si prende possesso di ping-pong e biliardino, si azzannano i panini (la metà già consumati nella breve sosta in autogrill) e si riparte, stavolta per raggiungere il campo dove i ragazzi della 14 disputeranno il torneo e quelli della 12 osserveranno e tiferanno.

La giornata è caldissima, ma tra un gelato, uno schiaccia-cinque, una partita e l’altra da guardare passa in pieno clima trasferta: divertimento e spensieratezza. La sera, stanchi, si torna in albergo per una doccia veloce, una cena graditissima e qualche partita a ping-pong. Come sempre disciplinati, quando arriva l’ora di andare a dormire, tutti nelle stanze assegnate come dei bravi atleti prima di un torneo che li impegnerà la giornata successiva. Infatti nessun problema la mattina della domenica per svegliare i ragazzi; alcuni a dire la verità sono già pronti in divisa alle 6.00!

L’inizio è previsto per le 9.50. I ragazzi, accompagnati dai prodi Giuseppe, Andrea ed Elias sono un po’ emozionati ma la sensazione è che iniziano ad “abituarsi” ai tornei e a gestire ottimamente la tensione pre-partite. Hanno tutti tanta voglia di giocare, anche eccitati da un pubblico d’eccezione che li accompagna in campo e li incita con pacche sulle spalle e consigli dell’ultimo minuto. Già, perché i ragazzi della 14 sono quasi più eccitati di loro, li seguono passo passo, portano l’acqua, bagnano i capelli dei “fratelli” piccoli e poi, per tutto il tempo, tifano e li seguono a bordo campo come stessero giocando anche loro. Meraviglia.

Il primo incontro è col CLUB RUGBY JESI. La partita scorre senza difficoltà, i nostri iniziano subito con una meta di capitan-Muzzo e proseguono con gazzella-Mariano, Titto, Bigio e poi un’altra meta, di squadra. Sì, di squadra perché i passaggi dell’ovale di mano in mano sono stati notevoli, lo schieramento attento a non lasciare spazio all’avversario e la difesa sempre vigile. Nulla ha distratto i nostri ragazzi che escono dal campo soddisfatti dopo il corridoio con i ragazzi dello Jesi. A sorpresa li accoglie un altro corridoio: i ragazzi della 14 si schierano e aspettano i piccoli compagni con le mani tese per battere il cinque e complimentarsi. Hanno i visi orgogliosi almeno quanto chi ha giocato e sentire le loro lodi e i loro apprezzamenti riempie di orgoglio i nostri piccoletti, noi di emozione e Peppe di meritata soddisfazione. LA SQUADRA APPIA C’E’…

Quasi un’ora di pausa permette ai verdi-blu di riposarsi all’ombra, rifocillarsi e rinfrescarsi alle fontanelle. Acqua in testa e si torna in campo dove ci aspettano i bianco-rossi del PERUGIA. Sono determinati, ma noi di più e nonostante i nostri li abbiano visti giocare ed abbiano apprezzato la velocità dei Perugini non si lasciano intimorire. Anzi. Entrano in campo risoluti e da subito prendono in mano l’incontro. Giocano bene e infatti le nostre mete arrivano una dopo l’altra, mentre la difesa altrettanto determinata ne concede una sola all’avversario: 6 a 1 e ancora soddisfazione.

E poi l’incontro più difficile: APPIA-ROVIGO. Difficile e bello. I verdi-blu lottano dal primo all’ultimo minuto impegnando l’ostico avversario in una partita che sì vince, ma non senza difficoltà. La nostra difesa non ha ceduto mai, combattendo contro il forte attacco del Rovigo con la “tigna” di chi non vuole cedere. Nonostante due piccoli infortuni appini i compagni continuano a giocare e escono dal campo perdenti ma a testa alta accompagnati dalla frase di Peppe “i ragazzi del Rovigo si ricorderanno di voi…”.

La partita successiva è un’amichevole in un torneo: APPIA-CIAMPINO. I colori sono gli stessi dell’incontro precedente, ma questa volta richiede un impegno diverso ed è privo di tensione. Giocano rilassati ma non senza serietà. Mettono in campo un mix di tecnica e voglia di divertirsi a tratti impegnati dalla difesa avversaria che tuttavia non faticano a superare mettendo a segno 9 mete e prendendone solo 1 a fine incontro. Abbracciati da vecchi amici escono dal campo ancora una volta soddisfatti dalla prestazione.

La pausa stavolta è più lunga in attesa della finale che si giocherà dopo il pranzo consumato sotto la panchina accompagnato da giochi, chiacchiere e canti. Si rilassano parecchio, forse anche troppo perché per l’incontro finale contro il RENO BOLOGNA entra in campo un’altra squadra di appini. Una squadra poco concentrata, stanca, con la testa altrove. E se l’Appia non c’è… il Bologna forte, preparato e più in forma ovviamente ne approfitta. Parecchio. Segna 10 mete. Stavolta i nostri non escono dal terreno di gioco contenti, ma comunque a testa alta sempre, perché è così che gli è stato insegnato. Un discorso seduti in cerchio con gli allenatori per riassumere la giornata, un applauso per tutti e poi sotto la doccia prima della partenza per Roma.

Ci portiamo a casa un altro bellissimo week-end con i ragazzi, un altro regalo di questi giovanissimi atleti, un’altra domenica di rugby e festa da ricordare.

A domenica prossima con il nostro LUDUS!!!

Leave a Reply